Aicem è partner ufficiale del “No Hate Speech Movement”, la campagna giovanile del Consiglio d’Europa che mira a promuovere i diritti umani sia online che offline. Il Bookmarks, manuale del Consiglio d’Europa, è stato progettato per aiutare gli educatori ad affrontare efficacemente i problemi dei discorsi dell’odio nel lavoro con giovani di età compresa tra 13 e 18 anni.


BOOKMARKS: Manuale per combattere i discorsi d’odio online attraverso l’educazione ai diritti umani

Il manuale è stato pubblicato per la prima volta nel 2014, tradotto in 10 lingue diverse: la traduzione italiana è stata curata da Aicem in collaborazione con il dipartimento giovanile del Consiglio d’Europa e consentirà a educatori, animatori, insegnanti e formatori di lavorare su questi principi in Italia.

Il problema

(…) il termine “discorso d’odio” deve essere inteso come comprensivo di tutte le forme di espressione miranti a diffondere, fomentare, promuovere o giustificare l’odio razziale, la xenofobia, l’antisemitismo o altre forme di odio basate sull’intolleranza, tra cui l’intolleranza espressa sotto forma di nazionalismo aggressivo e di etnocentrismo, la discriminazione e ostilità nei confronti delle minoranze, dei migranti e delle persone di origine immigrata.

Consiglio d’Europa, Comitato dei Ministri, Raccomandazione n. (97) 20

(Dal Bookmarks cap. 5.1 “Discorso d’odio online” – p148)

Il discorso dell’odio non è mai un fenomeno “bianco o nero”. Tutto può iniziare da un semplice commento offensivo e poi trasformarsi in un atto violento. Abituarsi ad esprimerci con rabbia, soprattutto quando si affronta qualsiasi tipo di diversità, provoca danni irreparabili.

Le parole fanno male: causano danni emotivi e minano la nostra autostima.
DA PAROLE IN AZIONI: i peggiori casi di violenza fisica sono generati in questo modo;
DISPONIBILITÀ IMMEDIATA DEI DISCORSI DI ODIO ONLINE: un tweet o un’immagine, un commento o un video sono sufficienti. Esistono numerosi modalità di offendere una persona nel mondo digitale ;
NESSUNO È IMMUNE DA QUESTO FENOMENO: i discorsi d’odio colpiscono sia i singoli che i gruppi (come persone appartenenti a minoranze etniche o religiose)
INTERNET NON È UN MONDO PARALLELO: Siamo Internet. Anche considerando la logica open source, Internet non può essere considerato un territorio senza leggi. Le persone invece si nascondono dietro l’anonimato … Internet consente alle persone di sentirsi libere di usare qualsiasi tipo di espressione, che potrebbe diventare d’odio. Internet è ancora giovane e può essere migliorato.

Scrivici a info@aicem.it per ricevere la tua copia del Bookmarks!

I numeri

Un aumento dei siti di odio:

L’edizione 2011 del rapporto annuale Digital Terror & Hate di Simon Wiesenthal rileva un aumento del 12% a 14.000 “siti Web, forum, blog, twitter, ecc. Problematici sui social network (rispetto agli 11.500 dell’anno scorso), compresi nella sottocultura dell’odio”.
Il sistema di sicurezza di Internet, Websense, che sostiene di monitorare circa 15.000 siti di “odio e militanza”, ha riferito che i siti di razzismo, odio e militanza sono triplicati nel 2009.
Altri studi hanno cercato di indagare fino a che punto i giovani incontrano l’odio nelle loro attività online.

Giovani e odio online:

In tutta Europa, il 6% degli utenti di Internet di età compresa tra 9 e 16 anni ha dichiarato di essere stato vittima di bullismo online e il 3% ha confessato di essere dietro ad atti di bullismo nei confronti di altri.
Il 16% dei giovani utenti di Internet in Canada afferma di aver pubblicato su Internet commenti d’odio verso una persona o un gruppo di persone.
Il 78% degli intervistati di un sondaggio online ha dichiarato di incontrare discorsi d’odio online su base regolare.

I tre target più ricorrenti nei confronti dei quali si scatenano i discorsi di incitamento all’odio sono: persone LGBT (70%), musulmani (60%) e donne.


(dal Bookmarks cap. 1 “Riguardo al manuale” – p10)


Obiettivi

La Campagna del Consiglio d’Europa si pone pertanto i seguenti obiettivi:

° Organizzare eventi internazionali e nazionali per discutere del fenomeno del discorso dell’odio, di come fa parte della nostra vita quotidiana e di come sia radicato nella nostra società.
° Sostenere l’attuazione del corso di formazione nazionale sull’educazione ai diritti umani nel Regno Unito per combattere la discriminazione basata sulla fede e il discorso di odio in generale.
° Creare un servizio di consulenza per aiutare le vittime del discorso dell’odio a superare i problemi causati dal discorso dell’odio, a raccogliere informazioni al riguardo e ad arginare eventuali danni emotivi e psicologici che il discorso dell’odio potrebbe provocare sia online che offline.
° Realizzare eventi nelle scuole per supportare insegnanti ed educatori a contrastare i fenomeni del Discorso dell’odio e per implementare metodologie educative non formali che possono aiutare i bambini a rispettare il punto di vista reciproco e ad unirsi al movimento.
° Sensibilizzare le nuove generazioni sui diritti umani al fine di focalizzare l’educazione dei giovani sull’importanza del rispetto dei diritti umani.

Il Bookmarks del Consiglio d’Europa apre la strada a definizioni specifiche per riconoscere il problema. All’interno , ci sono anche numerosi esempi pratici per affrontare il fenomeno. Per questo motivo, AICEM si sta occupando di diffondere il Manuale tra le scuole, istituzioni, associazioni e club giovanili.

La Campagna EUROPEA –> https://www.coe.int/en/web/no-hate-campaign

La Campagna ITALIANA –> http://www.nohatespeech.it/